Loading

Street Art a Milano: un museo all’aria aperta

Una mappa interattiva della Street Art milanese

Milano si scopre. Milano sta vivendo un grande periodo, un pieno Rinascimento milanese, dove il volano dell’Expo, ma non solo, ha portato la città a vedersi e leggersi in un modo nuovo. Citta di cultura, città di turismo, citta d’arte e di life style.

E giustamente, il Comune di Milano ha pensato di tenere agganciata anche la periferia a questa grande evoluzione in crescita, che soprattutto i quartieri centrali hanno intrapreso.

E il Comune ci ha messo del suo. Del nostro a dire il vero. Un bando, ovvero uno stanziamento economico, per tenere insieme tutti i pezzi della città, tutti i suoi quartieri, perchè Milano è e sarà sempre, una “grande Milano”, periferie comprese.

“Bando alle periferie” è stato quindi il titolo del bando di gara, che ha avuto tra i vincitori, primo in graduatoria, il progetto “Milano città aumentata” presentato da Bepart, una cooperativa di impresa sociale composta da sei partner. Quattordici sono stati in totale i progetti finanziati con il bando. (Qui tutti i progetti finanziati)

Cos’è “Milano città aumentata”? E’ una lettura della città, delle aree periferiche indicate nel bando, fatta da un punto di vista personale. Perchè personale? Perchè è una Milano vista da chi cammina e scopre che c’è qualcosa fatta per lui, su misura per i suoi occhi, per le sue scarpe, per i suoi tempi, sui muri della città: STREET ART. Non solo, ma è fatta per lui perchè con la modalità sviluppata da Bepart, quella realtà la può fare sua, la può “aumentare”, aggiungendo e  modificando, come piace a lui, quell’opera.  Tu scrivilo a Bepart, e Bepart ti restituisce immagini elaborate, ovvero video animazioni 2D, animazioni 3D e animazioni con elementi aggiuntivi di arte visuale (AD).

Ma questo progetto, che già nasce con il lavoro e la collaborazione dei giovani che Bepart ha coinvolto nella realizzazione del suo lavoro, non si è esaurito nell’ambito del bando iniziale. Già due scuole lo hanno integrato nei loro programmi di alternanza scuola lavoro, L’ITSOS Albe Steiner e l’IIS Caterina da Siena.

Proprio una delle classi del Caterina da Siena ha deciso di lavorare con noi di Cuoremilano, per implementare il lavoro della piattaforma Bepart.

I ragazzi hanno prodotto la fantastica mappa multimediale, inclusa in questa pagina, dalla quale potrete accedere ad alcuni video di realtà aumentata nei quali gli stessi giovani presentano i murales mappati: è quindi possibile, accedendovi direttamente dal nostro sito, visualizzare alcuni lavori di realtà/arte aumentata che hanno come protagonisti i murales della città (con la app di Bepart, si accede a tutti i video di realtà aumentata da loro creati, ma solamente con smartphone e davanti alle location dei murales).

Una comodissima mappa che integra anche acuni itinerari, che potrete seguire per essere veri “cacciatori” di arte sui muri.

Grande lavoro! Grandi ragazzi!

 

https://www.streetartfactory.eu/maua/